Pescara, Piazza Duca d'Aosta 28
+390852405332
info@igeacps.it

Tag: assistente di infanzia

Lavora nel mondo dell'Infanzia

La lettura delle favole: i sacri scrigni dei bambini

Se per noi adulti le emozioni sono spesso difficili da gestire e capire, figuriamoci per un bimbo tra i due e sei anni circa, tutto è indecifrabile e sconosciuto. Al bambino, quindi, occorrono delle idee, delle strategie per gestire tutto ciò che prova nel suo mondo interiore e ha bisogno di ordinare e distinguere ogni …

sviluppo

Sviluppo socio-cognitivo: la teoria di Vygotskij

La teoria dello sviluppo socio-cognitivo di Lev Vygotsky sostiene che la società ricopre un ruolo centrale nella crescita del bambino.

asilo nido

Come aprire un asilo nido

L’asilo nido, noto in Italia anche con il nome di “nido d’infanzia”, è una struttura educativa e di carattere assistenziale dedicata ai bambini di età compresa fra i tre mesi e i tre anni, ovvero il periodo che precede l’ingresso alla scuola dell’infanzia.

baby parking

Asilo nido, ludoteca e baby parking: quali sono le differenze?

Spesso, quando si parla di ambienti educativi e ricreativi per l’infanzia, si fa confusione tra asili nido, ludoteche e baby parking.

colori-a-dita

GIOCHIAMO CON I COLORI A DITA

GIOCHIAMO CON I COLORI A DITA

Dipingere è un’attività divertente e molto stimolante che può essere svolta già intorno ai 12 mesi di vita. Mentre pennelli e matitoni saranno più facili da maneggiare dopo i due anni, in età di asilo nido possiamo usare i colori a dita e invitare il bambino a usare mani e piedi (ma talvolta anche i capelli!) per produrre le sue opere d’arte.

scegliere asilo nido

COME SCEGLIERE IL NIDO?

COME SCEGLIERE IL NIDO?

Per tante famiglie i mesi estivi sono decisivi per la difficle scelta dell’asilo nido in cui iscrivere i bambini.

Infatti, valutata come soluzione migliore, l’iscrizione in un servizio per l’infanzia, piuttosto che una babysitter o i nonni, il passo successivo è quello di scegliere a chi affidare il proprio figlio.

Il presente articolo ha l’obiettivo di aiutare i genitori in questa difficile scelta; di seguito alcuni consigli:

Il-cestino-dei-tesori

COS’È IL CESTINO DEI TESORI

COS’È IL CESTINO DEI TESORI

Una delle prime attività che possiamo proporre ai bambini già da quando sono capaci di restare seduti da soli senza l’aiuto delle mani è il cestino dei tesori: un’invenzione della Psicopedagogista E. Goldschmied poi ripresa da Maria Montessori nelle proprie attività pensate per i bambini.

libro_giocattolo_assistenteperinfanzia

COS’E’ IL LIBRO GIOCATTOLO

Cos’è il libro giocattolo

Sensibilizzare fin da piccoli i bambini alla lettura è molto importante per favorire lo sviluppo globale del bambino.

Il bambino piccolo, fino a circa 18 mesi, considera il lbro come un giocattolo e lo utilizza come un qualunque altro giocattolo: è l’età in cui il bambino esplora in maniera pressoché identica qualsiasi oggetto che riesce ad afferrare, usando principalmente la vista, il tatto e l’oralità.

E’ importante che il bambino possa giocare in completa sicurezza, dunque i libri proposti sia a casa sia nei servizi per l’infanzia devono avere caratteristiche idonee.

Limportanza-della-lettura

C’ERA UNA VOLTA… L’IMPORTANZA DELLA LETTURA

C’era una volta… l’importanza della lettura

 

Leggere fin dai primi mesi di vita fa bene ai bambini:

potrebbe sembrare strano, ma è proprio così, già dai primi mesi di vita possiamo interagire con un bambino con un libriccino in mano, leggerlo con lui. Si tratterà magari di un libro morbido o sensoriale, ricco di immagini, maneggevole e adatto ad essere manipolato anche dalle manine del bambino.

Il libro consente di iniziare a sensibilizzare il bambino piccolo alla narrazione, al racconto, che sarà all’inizio caratterizzato da frasi brevi, in rima, filastrocche.

inserimento nido

L’INSERIMENTO AL NIDO: COME VIVERLO CON SERENITA’

L’inserimento al nido: come viverlo con serenità

Tra pochi mesi inizierà un nuovo anno scolastico e con questo riapriranno le porte anche gli asili nido: tanti bambini lasceranno per la prima volta la propria casa rassicurante, la propria mamma, per vivere qualche ora al giorno in un ambiente nuovo, con figure estranee e tanti altri bambini.

E’ una situazione completamente nuova, sia per i genitori che per i bambini ed è normale che ci sia qualche resistenza al cambiamento, i dubbi sulla bontà della scelta, le paure per il benessere del proprio figlio e tutta l’ansia che accompagna la separazione.

L’inserimento non è vissuto solo dai bambini, ma anche dai genitori, e in particolare dal genitore che accompagna personalmente il bambino al nido, di solito la mamma.