Pescara, Piazza Duca d'Aosta 28
+390852405332
info@igeacps.it

LE FAVOLE AD ALTA VOCE

Le-favole-ad-alta-voce

LE FAVOLE AD ALTA VOCE

LE FAVOLE AD ALTA VOCE

Ci preoccupiamo moltissimo di come nutrire il nostro bambino: ci assicuriamo che il nostro latte sia sufficiente a farlo crescere bene, selezioniamo attentamente i cibi durante lo svezzamento, controlliamo il menù del nido e domandiamo chi rifornisce la mensa scolastica perché riconosciamo che alimentarsi bene permette di crescere bene.

Con la stessa premura con cui ci preoccupiamo di riempire pancini, dovremmo approcciare altre forme di nutrizione.

Leggere fa bene. A qualsiasi età. Ed è una passione che può – e anzi DEVE – essere alimentata sin dalla nascita e preferibilmente anche prima, durante la gravidanza.

Il modo più efficace per trasmettere ai bambini l’amore per la lettura è leggere per loro ad alta voce.

Leggere per comprendere il mondo

La lettura fornisce al bambino infiniti strumenti per conoscere il mondo intorno a lui, decodificarlo e comprenderlo. Può essere supportata da immagini e diventare spunto di lunghe chiacchierate sui temi più disparati: i colori, gli animali, i pianeti, le emozioni…

Leggere per fortificare il legame affettivo

Il tempo quotidianamente ritagliato per la lettura ad alta voce crea uno spazio esclusivo in cui il genitore trasmette al bambino una serie di messaggi: attenzione, ascolto, fiducia, affetto, comprensione.

Leggere per arricchire

La lettura richiede tempo, attenzione e anche impegno: aiuta a sviluppare idee e insegna al bambino ad esprimersi in modo ricco (sia verbalmente che per iscritto). Avere un linguaggio ricco favorisce l’efficacia della comunicazione, migliora sensibilmente la qualità del proprio modo di pensare e di relazionarsi con gli altri.

Scegliere le letture giuste

La lettura aiuta a rafforzare nel bambino la comprensione di valori e principi morali. Osservare il bambino durante la lettura ci aiuta a comprendere le sue reazioni, a decodificare i suoi stati d’animo, a intervenire sulle sue paure già in tenerissima età.

Letture troppo complesse e strutturate possono risultare scarsamente comprensibili, mentre letture troppo “semplici” possono non suscitare nel bambino il dovuto interesse: in entrambi i casi si corre il rischio di annoiarlo. Scegliamo pertanto qualcosa che possa risultare piacevole sia per noi che per lui, evitiamo di leggere se è molto stanco o particolarmente desideroso di giocare, smettiamo se non desidera proseguire.

Leggere con espressività

Leggere ad alta voce non significa solo pronunciare le parole: intonazione, timbro, gestualità servono a catturare l’attenzione del bambino e a lasciare che venga affascinato dalla storia; per coinvolgerlo, soffermiamoci quando lo riteniamo opportuno e facciamogli domande che gli permettano di esprimersi liberamente e di esplicitare il suo stato d’animo.

Rendere la lettura un rituale quotidiano

La lettura dovrebbe par parte della vita del bambino esattamente come le coccole e il bagnetto. Affinché leggere diventi un’abitudine radicata, dovremmo dedicare a questa attività almeno dieci minuti al giorno e fare in modo che diventi un momento che coinvolge tutta la famiglia.

Scegliamo quindi un posto comodo, evitiamo distrazioni e avventuriamoci insieme al nostro bambino in nuovi mondi di parole.

“Se volete che vostro figlio sia intelligente, raccontategli delle fiabe; se volete che sia molto intelligente, raccontategliene di più. ” Albert Einstein.

Se vuoi maggiori informazioni sui nostri corsi e per i nostri servizi, puoi contattarci attraverso questo form

 

diventa assistente infanzia

Iscriviti alla Newsletter per ricevere
aggiornamenti e promozioni sui nostri
Corsi e Master Online!